Archivi categoria: ARTICOLI E REPORTAGE

NDSM Wharf, l’ex area industriale riconvertita interamente all’arte

Mi lascio alle spalle il centro della città di Amsterdam per andare a visitare il quartiere alternativo di NDSM Wharf, uno dei più singolari e piacevoli, data la sua recente riqualificazione urbana. Si trova ad Amsterdam Nord in una vasta area tutta da esplorare. Negli ultimi anni da vecchia fabbrica in disuso si è trasformato in un fantastico punto di ritrovo sociale, ma soprattutto in un vero e proprio laboratorio culturale e artistico.

Continua la lettura di NDSM Wharf, l’ex area industriale riconvertita interamente all’arte

Sobre la naturaleza

Viviamo un mondo vuoto di attenzioni rivolte alla comunità, e alla cura dell’anima
Noi siamo natura e forse ce lo siamo dimenticati. Inglobati da una società frastornante, sperimentiamo la difficoltà di far emergere socialmente i nobili valori, le nostre menti sono distratte da attenzioni superficiali rivolte principalmente a noi stessi.
L’impatto della modernità si inserisce feroce nel definire le nostre possibilità del vivere, e proprio quest’ideale urbano dominante ci cattura con continui input stimolati da strategie di coscienza di massa, e viviamo un mondo vuoto di attenzioni rivolte alla comunità, e alla cura dell’anima.

Il bus che fa girare le idee – Giardino della creatività, Arbujuelo, Spagna.

Continua la lettura di Sobre la naturaleza

La mano: impatto dell’uomo sul territorio dell’Appennino

 

L’immagine degli alberi, perlopiù privati delle proprie foglie dall’inverno, accompagna il mio viaggio. E’ già mattina, le sette passate, il buio ed una densa nebbia permettono di vedere soltanto pochi particolari della strada che collega Firenze a Bologna. A momenti, interrompono il buiore alcuni cartelli stradali illuminati, tra le poche fonti di luce su questo tratto di autostrada.
Comincia ad albeggiare e la luce attesa svela gli elementi caratteristici del paesaggio urbano, incastonati tra quegli stessi alberi, che facendosi progressivamente più radi lasciano il proprio spazio a piccoli agglomerati di case, fabbriche da cui fuoriesce costantemente del fumo e imponenti ponti autostradali. Un paesaggio che si mostra poco uniforme, mescolando il naturale verde bruno a colori estranei, artificiali.

Continua la lettura di La mano: impatto dell’uomo sul territorio dell’Appennino

Bosnia-Erzegovina, dove l’Europa è un po’ meno europea

 

E’ un viaggio particolare quello che si ritrova a fare colui che decide di percorrere le strade della Bosnia-Erzegovina. Tra le sue colline verdi scure, dominate da distese di foreste interrotte qua e là da qualche paesello e da ben poche città, man mano che ci si addentra verso l’interno del suo territorio si scopre lentamente un orizzonte nuovo ed inaspettato. Ti avvolge una sensazione strana pensando di trovarsi sempre in Europa, perchè i mille contrasti che abitano e convivono in questo Paese fanno sì che esso appaia come un contesto del tutto differente da quello europeo. O perlomeno diverso da quello a cui siamo abituati pensando al Vecchio Continente. Sono diversi i costumi, sono diversi i volti ed è diversa persino la religione.

La città vecchia – Travnik, Bosnia-Erzegovina

Continua la lettura di Bosnia-Erzegovina, dove l’Europa è un po’ meno europea

Indocina, una vita su due ruote

E’ un “mondo” strano quello dell’Indocina visto dagli occhi di un Occidentale. Sono tante le cose che funzionano diversamente: diversa è la cultura, diversa è la religione, diversa è la mentalità, diverse sono le abitudini così come diversi sono i ritmi e gli stili di vita. Le condizioni economiche sono assai lontane da quelle europee o nordamericane, elemento che inevitabilmente determina e non poco tanti aspetti sociali e della vita quotidiana. A differenza del “nostro mondo”, ad esempio, la maggior parte della forza lavoro è impiegata nel settore primario, il che significa che l’agricoltura e l’artigianato costituiscono il fulcro della vita economica e sociale di questi Paesi. Inutile dire che, per quanto alcuni di questi Stati (principalmente Vietnam e Thailandia) stiano registrando tassi di crescita economica elevati negli ultimi anni, si tratta di Paesi in via di sviluppo e, quindi, ancora economicamente indietro ed in difficoltà generale. Ciò comporta una vita più semplice, meno agiata rispetto a quella occidentale, con meno strumenti a disposizione. Si è costretti ad arrangiarsi come meglio si può, un po’ in tutte le cose.

L’automobile, ad esempio, è un bene di lusso e così il mezzo di trasporto vitale per queste popolazioni diventa le due ruote. Che sia in motorino o in bicicletta, è principalmente su due ruote che le persone si spostano e svolgono le proprie attività quotidiane, dall’andare a scuola all’andare a lavoro, dal trasportare oggetti fino a interi capi di bestiame da portare al mercato per essere rivenduti. Sulle due ruote si fa tutto, letteralmente. Dalla nascita fino alla vecchiaia. Cose impensabili per noi, che siamo abituati ad utilizzare il motorino per comodità nelle grandi città a causa del traffico e che siamo abituati a vedere tante auto in movimento con all’interno una sola persona, il guidatore. Qui intere famiglie, invece, si muovono sui motorini, in tre o addirittura in quattro. Si ottimizzano gli spostamenti in modo che l’intera famiglia possa usufruire di questo prezioso mezzo. Ed è così che si può vedere di tutto, girovagando per le strade del Vietnam e della Cambogia. Cose che non possono non colpire in quanto raccontano tanto dello stile di vita delle persone in questi Paesi.

 

« 1 di 6 »

 

Lorenzo Berti

Viaggiando verso la luna

20 luglio 1969 pronunciando le parole che poi divennero storia,
“questo è un piccolo passo per me ma un grande balzo per l’umanità”, il comandante Neil Armstrong divenne il primo uomo a poggiare piede sulla luna. Dopo quattro giorni di viaggio la missione Apollo 11, composta dal comandante della missione Neil Armstrong, dal pilota del modulo di comando Michael Collins e dal secondo uomo sbarcato sulla luna il pilota del modulo lunare Eagle Edwin “Buzz” Aldrin, a bordo del modulo di comando Columbia, compiva il viaggio più avventuroso e più sognato dal essere umano, il viaggio sulla luna. Continua la lettura di Viaggiando verso la luna

Marocco: un viaggio all’insegna dei sensi

La scelta di partire è spesso dettata dalla costruzione mentale che una persona si crea di un certo posto. L’idea di esplorare il Marocco non si è sottratta al previo e naturale lavoro dell’immaginazione che tuttavia rimane relegata nei confini dell’immaginabile. Percorrere i paesaggi e le città di questo Paese ha scardinato qualsiasi tipo di aspettativa o previsione proiettandoci invece attraverso una sensazione di meraviglia permanente accompagnata da bagliori di quell’esaltante senso di inavvertibilità del reale. Questo contrasto di sensazioni ci avrebbero guidati per tutta la durata del viaggio.

Continua la lettura di Marocco: un viaggio all’insegna dei sensi

Sziget: the island of freedom

E’ estremamente difficile raccontare a parole cosa significhi vivere sull’isola di Obuda, a Budapest, per l’intera settimana di Ferragosto. O meglio, non è tanto difficile raccontarlo, quanto far sì che il racconto sia in grado di trasmettere le sensazioni e le emozioni che si provano in quei sette giorni di follia a chi non ha avuto la fortuna di trovarcisi. In quella settimana la capitale ungherese diventa il crocevia più grande e variegato al mondo, in cui persone provenienti letteralmente da ogni angolo del pianeta si incontrano per dar vita a quello che è sicuramente uno dei festival musicali più importanti che esistano. Nei suoi 24 anni di vita, infatti, lo Sziget ha visto la partecipazione degli artisti più famosi del mondo, di tutti i generi e di qualsiasi provenienza, dando modo anche a musicisti meno noti di farsi conoscere e di salire alla ribalta. Ma ciò che più impressiona sono i numeri del pubblico: nella scorsa edizione è stato registrato l’accesso di quasi mezzo milione di persone, molte delle quali sono rimaste sull’isola per l’intera settimana di programmazione.

Continua la lettura di Sziget: the island of freedom

La bussola punta a Nord-Est: attraverso i Paesi Baltici

Questo viaggio risale a cinque anni fa, per la precisione all’aprile del 2012. Per entrambi era la prima volta che facevamo un viaggio in cui non saremmo rimasti sempre nel solito posto, ma al contrario in cui avremmo toccato città e addirittura Stati diversi. L’idea di doverci spostare, prendere i nostri zaini ed un mezzo di trasporto per riuscirne diverse ore dopo dovendo raggiungere un nuovo ostello ci riempiva di stimoli che giungevano a noi all’idea di nutrirci di nuove immagini e nuovi posti da scoprire.
Nonostante si tratti sempre di Paesi all’interno del continente europeo, con tutto ciò che ne consegue, abbiamo notato molte differenze rispetto all’ambiente in cui viviamo. La storia di questi popoli, rimasti quasi sempre in disparte come in tutti i Paesi nordici, ed il clima rigido hanno fatto sì che la loro identità assumesse caratteristiche introverse, maturando uno stile di vita riservato che si riflette nell’atmosfera che si respira. Allo stesso tempo abbiamo potuto apprezzare una certa vivacità nell’architettura e nei colori delle città, con case dalle facciate variopinte, lontane dallo stile minimale e spento dell’edilizia sovietica che accomuna l’Europa orientale. Siamo lontani anche dal caos, dallo smog e da quello stress tipico come conseguenza della frenesia metropolitana.
Ciò che ne è venuto fuori è stato un percorso lungo il quale abbiamo visto quattro diversi Paesi, con città cupe ma affascinanti, con paesaggi innevati dove la natura diventa la protagonista della scena e con volti dai tratti duri come il freddo che avvolge queste terre.

Lorenzo Berti,  Alice Crescioli

« 1 di 12 »

Raccontami Belgrado

Se dovessimo indicare uno dei valori inestimabili insito nell’esperienza del viaggio, questo è l’accesso al confronto con una moltitudine di società diverse. Lontane o meno che siano, tramite osservazione e dialogo, il viaggiatore ha l’occasione di potersi relazionare con un vissuto a lui estraneo. Sia esso relativo al tessuto sociale o in riferimento all’incontro con un altro individuo: ciò non si limita al mero scambio di informazioni, si riferisce piuttosto alle infinite possibili interconnessioni tra il viaggiatore e il contesto in cui è immerso. Tra chi racconta e chi ascolta. Continua la lettura di Raccontami Belgrado

Mekong, dove la vita scorreva lenta

Siamo abituati a pensare, al giorno d’oggi, ai fiumi come ad un elemento naturalistico, che impreziosisce la bellezza di un paesaggio rurale oppure quella della cartolina di una città. Raramente, però, pensando ad un fiume ci viene da riflettere sul ruolo vitale che essi ricoprono e sull’importanza che hanno avuto per la vita di intere popolazioni. Intorno ai fiumi hanno iniziato a nascere e prosperare le prime civiltà e le prime città hanno preso forma appoggiandosi proprio alle rive di un corso d’acqua, la fonte primaria per la vita. L’archè, ossia il “principio”, la definiva Talete. Non potendosene privare l’essere umano ha cercato di far sì che gli fosse sempre accessibile e per questo si può dire che sulle rive dei mari e su quelle dei fiumi si è svolta gran parte della storia umana. Continua la lettura di Mekong, dove la vita scorreva lenta

Oltre Gerusalemme, al margine di Betlemme

« 1 di 11 »

Paola Di Carlo

Uno sguardo su Stoccolma

« 1 di 6 »

Jacopo Passavanti